Spazi, orizzonti e confini. Nuove prospettive del viaggio in Italia (1750-1850)

A cura di Ulrike Böhmel Fichera e Elena Giovannini

spaziorizzontieconfini

 

Isbn 978-88-95868-43-1

Roma, 2019   pp. 212   €25,00

Indice

Il volume raccoglie gli interventi tenuti in un convegno sul viaggio in Italia, svoltosi presso l’Istituto Italiano di Studi Germanici a Roma nell’ottobre 2018. Il gruppo di lavoro si è costituito nel 2017 con l’intento di esplorare «nuove prospettive di ricerca sui resoconti di viaggio» nel periodo che va dal 1750 al 1850. Non è un caso che i saggi trattino argomenti ancora indagati più di rado: si può parlare, infatti, di viaggio anticlassico, ovvero di percorsi che non seguono più il modello elaborato da Goethe. In particolare, a partire dall’Ottocento, i viaggiatori sono sempre più numerosi, provengono da vari strati sociale e non sono solo letterati. Nei saggi qui presentati si cerca di individuare nuove costellazioni esaminando i percorsi di alcuni tedeschi di origine ebraica, di donne sole o accompagnate, di scienziati e di massoni. Un accento particolare è dato dal resoconto di un sequestro nel salernitano ai danni di un gruppo di viaggiatori della Svizzera tedesca.